IOTA

Da CryptoWiki.

IOTA è una criptovaluta disegnata per l’Internet delle Cose. Rispetto alle altre monete del Blockchain, IOTA ha (almeno) quattro grandi vantaggi: è scalabile, decentralizzata, modulare e non soggetta a tassazione. È disponibile sulla principale piattaforma di scambio di monete digitali, Bitfinex. Come tutte le altre criptovalute, anche IOTA ha seguito gli andamenti del mercato di critpomonete: è calata a picco accanto a Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH).

IOTA è stato strutturato per aiutare le machine a comunicare e stabilire transizioni senza commissioni. Tutto ciò permette all’Internet delle Cose di esistere. Ma vediamo meglio come funziona IOTA e come si rapporta all’Internet of Things. IOTA è davvero diversissima rispetto a qualunque altra valuta digitale. Invece di usare un blockchain, usa un libro mastro a cui ci si riferisce come The Tangle.

Sul sito internet di IOTA, il team ha anche sottolineato che IOTA è stato creato per scalare, diversamente da Bitcoin o Ethereum, che sono strutturati per affrontare questi problemi. A parte questa abilità di scalata, IOTA ha anche sdoppiato l’unicità del token stesso. “Unicità”, in questo caso, vuol dire mining: IOTA non ha bisogno dei miners per operare, dato che ha la capacità di auto mantenersi, operando in un contesto di auto-regolazione. Questo è un aspetto che attira molto gli investitori, abbastanza perplessi dalla procedura di mining.

Per riassumere, sono due le principali novità di IOTA:

-Utilizzo: IOTA è utilizzata come una tecnologia che permette alle macchine di comunicare. Può processare delle micro-transazioni senza commissioni, cosa che nessun’altra moneta digitale può fare;

-Funzionalità: IOTA opera usando una tecnologia chiamata “Tangle”. Non è una tecnologia blockchain ma un registro decentralizzato che si regola automaticamente. Non prevede processi di mining.